Il Messico è una democrazia rappresentativa che occupa la parte meridionale dell’America Settentrionale. La superficie è di 1.972.550 km quadrati con una popolazione di quasi 118 milioni di abitanti.

Piu’ di un quarto di essi risiede attualmente nella capitale, il distretto federale di Città del Messico. La lingua ufficiale è lo spagnolo.

Qui Inter Campus nasce nel 2004 con l’obiettivo generale dell’integrazione sociale contro il disagio giovanile nei quartieri a rischio e il sostegno al sistema educativo delle popolazioni indigene, oltre che la formazione degli istruttori locali.

Il primo nucleo del progetto si sviluppa a Queretaro, presso il Collegio delle Suore Marcelline. Oggi l’attività sportiva coinvolge oltre 100 bambini e bambine con disagio familiare. Inter Campus si fa promotore attraverso il gioco del calcio dei valori dell’accoglienza, del rispetto delle diversità, della crescita sana della persona e dell’integrazione sociale.

Dal 2011 a Città del Messico sono attivi altri tre nuclei Inter Campus.

Con il partner Fondazione Renacimiento partecipano all’attività 70 bambini e bambine “callejeros”, o di strada, del difficile quartiere di Tepito. Gli obiettivi dell’intervento sono l’integrazione sociale di bambini emarginati, la prevenzione da droghe e alcolismo, e da possibili devianze sociali attraverso un programma di formazione sportiva e pedagogica dei bambini e degli istruttori locali.

Sempre in collaborazione con le Suore Marcelline, con l’obiettivo dell’integrazione sociale, sono stati coinvolti nel progetto bambini di etnia Triqui, popolazione indigena originaria dello Stato di Oaxaca, che nella capitale vive in baraccopoli di lamiera, in pieno centro, a pochi passi dal Parlamento.

Nel giugno 2012 è stato attivato un progetto a favore di 30 bambini che abitano nei quartieri disagiati nei pressi della struttura universitaria UNEVE.

In collaborazione con l’Associazione Casa Hogar Peter Pan e con il sostegno di Pirelli Messico è stato attivato nel 2012 un progetto che coinvolge 100 bambini a Silao. Molti di questi bambini provengono da famiglie disagiate dei quartieri adiacenti il campo sportivo, altri sono i figli degli operai stessi della fabbrica.

Inter Campus opera anche in Chiapas con un progetto di cooperazione per lo sviluppo sostenibile del sistema educativo autonomo delle comunità indigene zapatiste.  Inter Campus è impegnato nella regione attraverso un programma d’intervento che vede oggi coinvolti oltre 300 bambini e bambine ed oltre 150 “promotori” sportivi. Lo sport zapatista e’ qui inteso come puro e semplice, competitivo ma solo nel senso di migliorare capacita’ che serviranno nella vita di tutti i giorni: sacrificio, lealta’, volonta’, rispetto del prossimo e delle regole, l’essere al servizio degli altri, della collettività.

Responsabile Messico Christian Valerio
invia mail

In pillole

Notizie

Tutti gli articoli

Inter Campus

25.08.2017 / 12.02

In movimento attraverso il Messico

Il valore del progetto raccontato attraverso le lettere di due fratelli di …

Inter Campus

18.08.2017 / 07.30

Protezione e riscatto con Inter Campus

Da Tepito a Queretaro, i tanti volti di Inter Campus Messico

Inter Campus

04.08.2017 / 04.14

In Messico il torneo femminile di Inter Campus

Con il supporto del Proud Partner Pirelli si è svolto l’annuale torneo a …

Foto

altre foto

Video

altri video